Welcome, Guest
Username: Password: Remember me
Benvenuto sul nostro forum No-mob!

Dicci chi sei, cosa stai vivendo e perché sei diventato un membro di questo forum.
Diamo il benvenuto a tutti i nuovi iscritti, sperando di potervi aiutare!

TOPIC: lenta discesa in inferno

lenta discesa in inferno 3 years 2 months ago #447

  • pazienza66
  • pazienza66's Avatar
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Posts: 1
  • Karma: 0
buongiorno,
oggi mi faccio coraggio e scrivo perchè fino a d'ora ho sempre pensato di essere io nello sbaglio.
ho 50 anni,biologa e lavoro da 10 anni per un azienda del centro sud.
Ero stata assunta per essere in laboratorio in qualità di analista. ho svolto questo lavoro per due anni con umiliazioni e commenti spregevoli.
Per entrare in depressione,ho partecipato ad un seminario in modo da poter lavorare sulla mia autostima e devo dire che mi ha consentito di far fronte alla situazione lavorativa.
Poi, la mia mansione è stata cambiata e sono stata messa in segreteria/reception,poi al reparto logistica/produzione, poi part-time in logistica/produzione e laboratorio poi laboratorio oggi sono di nuovo alla logistica/produzione. Mi sono sempre adattata cercando di trarne il positivo e penso di dare sempre il meglio di me stessa! Ovviamente,questi spostamenti da parte del mio datore di lavoro sono stati verbali e mai scritti.
Da mesi, la comunicazione si è interrotta, Appena cerco di incontrarlo per una comunicazione di lavoro mi evita.
Mi sono presa qualche giorno di ferie e purtroppo, mi sono infortunata, documentato dal referto ospedaliero, e non sono potuta rientrare al lavoro.
Infuriato ha diviso tutti i miei compiti alle colleghe. L'azienda deve andare avanti, è un dato di fatto e lo condivido. Nonostante la malattia,mi sono presentata al lavoro per poter dare una linea guida ai colleghi. Ma prima, ho forzato un incontro con il datore di lavoro. E' stato dei più spiacevoli. Mi ha detto che al mio rientro non svolgerò più il lavoro che facevo ma di essere tranquilla che avrò scrivania e poltrona! per fare cosa? non mi ha risposto! e mi ha detto di tornare a casa perché tanto si poteva fare senza di me! Come dice siamo tutti utili ma nessuno indispensabile!
Oggi,sono stanca ... stanca di dover combattere al mio rientro ... stanca di subire umiliazioni ... stanca di essere da sola contro tutti. Quando si viene ignorata e esclusa ... di conseguenza, tutti passano dalla parte vincente/forte e di certo non dalla mia ... parte debole.
Ho scritto di getto, impaurita di quello che sto scrivendo... perché come dice il datore di lavoro ... potrei essere davvero io il problema. Sono terrorizzata all'idea di rientrare al lavoro.
saluti
The administrator has disabled public write access.
Time to create page: 0.406 seconds
Powered by Kunena Forum